info legacoop liguria

info legacoop liguria
logo info legacoop liguria
news sito aggiornato a Ottobre 2020
La rivista online di Legacoop Liguria
Ed. Giugno 2020

Esenzione IMU per il settore turistico

Tra le disposizioni contenute nel cosiddetto “Decreto Rilancio” (D.L. 34/2020), in considerazione dell'emergenza sanitaria Covid-19, è stata introdotta l'esenzione della prima rata IMU per il settore turistico. Per la precisione, l'art. 177, c. 1, lett. a) prevede l'esenzione del versamento della rata in scadenza il 16 giugno 2010 relativa agli immobili adibiti agli stabilimenti termali e balneari marittimi, lacuali e fluviali.

 

Inoltre, il c. 1, lett. b) prevede l'esenzione per immobili rientranti nella categoria catastale D/2, quali alberghi e pensioni; agriturismi, villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi di montagna, colonie marine e montane, affittacamere per brevi soggiorni, case e appartamenti per vacanze, bed & breakfast, residence e campeggi.

 

L'esenzione di cui alla lett. b) vale “a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate”: di conseguenza, non si applica agli immobili locati o concessi in comodato.

 

Sono esenti totalmente dal versamento dell'imposta locale, infine, ai sensi dell'art. 1, cc. 758 e 759 L. 160/2019, i seguenti immobili:

- terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti e IAP;

- terreni agricoli ubicati nei Comuni delle isole minori;

- terreni agricoli a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale;

- terreni agricoli ricadenti in aree montane o di collina;

- immobili posseduti dallo Stato, dai Comuni, nonché gli immobili posseduti, nel proprio territorio, dalle Regioni, Province, comunità montane, dai consorzi tra detti enti, dagli enti del Servizio sanitario nazionale, destinati esclusivamente a compiti istituzionali;

- fabbricati classificati o classificabili nelle categorie catastali da E/1 a E/9;

- fabbricati destinati ad usi culturali;

- fabbricati destinati all'esercizio del culto;

- fabbricati di proprietà della Santa sede;

- fabbricati appartenenti agli Stati esteri e organizzazioni;

- immobili posseduti e utilizzati dagli enti pubblici e privati, diversi dalle società, fatta eccezione per gli immobili posseduti dai partiti politici.