info legacoop liguria

info legacoop liguria
logo info legacoop liguria
news sito aggiornato a Ottobre 2020
La rivista online di Legacoop Liguria
Ed. Febbraio 2019

La disciplina fiscale dei compensi agli amministratori

L'art. 2364 C.C. stabilisce che l’assemblea dei soci “determina il compenso degli amministratori e dei sindaci se non è stabilito dallo statuto”.

 

Per garantirne la deducibilità,  i compensi devono essere stabiliti mediante specifica delibera dell'assemblea dei soci.


Se gli amministratori agiscono senza partita Iva, il loro compenso è fiscalmente assimilato al lavoro dipendente in quanto rientra nelle c.d. collaborazioni coordinate e continuative.

 

Nel caso di amministratore con partita Iva, se l'attività svolta in qualità di amministratore rientra nell'ambito della professione autonoma, i compensi andranno a costituire reddito di lavoro autonomo.

 

Tuttavia occorre tener presente che l'Agenzia delle Entrate – con circolare 12.12.2001, n. 105/E - ha affermato che i proventi da amministratore configurano reddito professionale solo quando l'ufficio rientra nei compiti istituzionali del professionista: in tutti gli altri casi il compenso va assimilato ai redditi da lavoro dipendente.


Sempre l'Agenzia delle Entrate, inoltre, con la risoluzione n. 113/E/2012, ha precisato che “l'Amministrazione Finanziaria può disconoscere totalmente o parzialmente la deducibilità dei componenti negativi di cui si tratta in tutte le ipotesi in cui i compensi appaiano insoliti, sproporzionati ovvero strumentali all'ottenimento di indebiti vantaggi”.