info legacoop liguria

info legacoop liguria
logo info legacoop liguria
news sito aggiornato a Agosto 2022
La rivista online di Legacoop Liguria
Ed. Gennaio 2021

Legge di Bilancio 2021, novità che interessano le cooperative

La Legge di Bilancio, pubblicata il 30 dicembre 2020 sulla Gazzetta Ufficiale, è entrata in vigore dal 1° gennaio 2021.

Da un’analisi del testo di Legge (lo si precisa, non ancora definitivo) si segnalano alcune novità che, a parere dello scrivente studio, sono di interesse per le società/cooperative.

Anzitutto, la Legge di Bilancio 2021 conferma la proroga del blocco dei licenziamenti individuali e collettivi fino al 31 marzo 2021. Proroga che, per l’intera durata della pandemia, ha avuto un andamento parallelo a quello della cassa integrazione.

Secondo infatti quanto stabilito dall’attuale testo di Legge, i datori di lavoro non potranno procedere fino alla prossima primavera:

  • all’avvio della procedura di licenziamento collettivo per le aziende/cooperative che occupino più di 15 dipendenti e che, in conseguenza di una riduzione o trasformazione di attività o di lavoro, hanno intenzione di effettuare almeno 5 licenziamenti nell’arco temporale di 120 giorni nell’unità produttiva oppure in più unità produttive dislocate nella stessa provincia o quelle in CIGS (Cassa Integrazione Straordinaria);
  • all’avvio della procedura di licenziamento individuale;
  • indipendentemente dal numero di dipendenti, recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo per inadempimento degli obblighi contrattuali del prestatore di lavoro o per ragioni correlate alla produttività, organizzazione e funzionamento del lavoro.

Restano inoltre sospese, sempre fino al termine del 31 marzo 2021, le procedure relative:

  • ai licenziamenti collettivi avviate successivamente alla data del 23 febbraio 2020 e tutte le comunicazioni del datore di lavoro concernenti l’avvio delle procedure di licenziamento per motivo oggettivo.

Si precisa inoltre che il divieto di licenziamento e delle procedure correlate non trova applicazione nei casi di cessazione definitiva dell’attività per la messa in liquidazione o fallimento dell’impresa/cooperativa, di accordo collettivo aziendale stipulato dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello nazionale e per i lavoratori che aderiscono o hanno aderito alla NASPI.

Da ultimo si richiama l’attenzione su altre misure rilevanti indicate nell’attuale testo di Legge, ovvero quelle che prevedono:

  •  un esonero contributivo del 100% per le nuove assunzioni di giovani che non abbiano compiuto il trentaseiesimo anno di età effettuate nel biennio 2021-2022 e la possibilità di trasformazione dei contratti a termine in contratti a tempo indeterminato.
  • l’esonero contributivo per le assunzioni di lavoratrici donne, riconosciuto nella misura del 100% e nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui. L'agevolazione in questione è prevista in via sperimentale nel biennio 2021-22 e dovrà essere autorizzata dalla Commissione europea.

Alla luce di tutto quanto sopra, le società/cooperative dovranno quindi considerare quanto disposto dalla normativa (seppure, come già sopra specificato, non ancora definitiva) nelle scelte da operare a livello di organizzazione aziendale.

Nella speranza che detta nota risulti di interesse, lo scrivente studio, specializzato anche nell’ambito del diritto del lavoro, resta a disposizione per offrire la propria assistenza e consulenza legale sul punto.

A cura Avv. Valentina Sandri (Studio Legale Ivaldi)