info legacoop liguria

info legacoop liguria
logo info legacoop liguria
news sito aggiornato a Dicembre 2021
La rivista online di Legacoop Liguria
Ed. Novembre 2021

Terzo settore, il Registro unico apre le porte dal 23 novembre

Ufficializzata dal ministero del Lavoro la data di avvio del Registro unico nazionale del Terzo settore (Runts).

Dal 23 novembre, infatti, inizierà il procedimento di trasmigrazione delle organizzazioni di volontariato (Odv) e associazioni di promozione sociale (Aps) iscritte negli attuali registri con le modalità previste dal Dm 106/2020. Una data questa molto attesa che interesserà più di 350mila realtà non profit le quali potranno decidere di iscriversi al Runts con tempi e modalità diverse a seconda della qualifica posseduta. L' operatività del Registro, infatti, avrà la sua rilevanza sotto diversi profili. La data del 23 novembre, darà avvio al processo di trasmigrazione per Odv e Aps, con la conseguenza che dalla medesima data non sarà più possibile iscriversi nei preesistenti registri, nonché all' anagrafe delle Onlus. A partire, invece, dal 24 novembre le realtà non profit che intendono acquisire la qualifica di ente del Terzo settore (Ets) potranno presentare agli uffici competenti del Runts la domanda di iscrizione.

Per le Onlus, invece, si resta in attesa di un ulteriore provvedimento che individui le modalità con cui l' agenzia delle Entrate potrà procedere a comunicare l' elenco delle Onlus attualmente iscritte nell' anagrafe.

Ma come sarà strutturato il Runts?

Da punto di vista operativo, sarà suddiviso in sette distinte sezioni. Due dedicate alle Odv e Aps in cui andranno a confluire gli enti iscritti negli attuali registri di settore, o quegli enti in possesso dei requisiti previsti dal Codice del Terzo settore (Cts). La terza sezione, invece, agli enti filantropici, che con la riforma trovano una loro specifica identità. Un' apposita sezione, invece, sarà dedicata alle imprese sociali, ossia a quegli Ets che svolgono le proprie attività di interesse generale in forma di impresa. Le società di mutuo soccorso, invece, saranno iscritte in una sezione ad hoc del Runts così come le reti associative.

Prevista, infine, una sezione residuale dedicata agli «altri enti del Terzo settore» in cui potranno iscriversi tutti quegli Ets (associazioni, fondazioni, altri enti di carattere privato) che non presentino i requisiti per una delle categorie di enti sopra descritte.

Per quanto concerne, invece, la gestione del Runts questa sarà attribuita all' ufficio statale incaricato presso il ministero del Lavoro nonché agli uffici regionali e delle Province autonome di Trento e Bolzano. Prevarrà, quindi, il criterio della territorialità secondo cui l' ufficio Runts competente sarà quello della Regione o della Provincia autonoma in cui l' ente ha sede. Unica eccezione le reti associative la cui competenza, invece, sarà attribuita all' ufficio statale.

Con riferimento alla procedura di iscrizione, particolare attenzione dovrà essere posta alle modalità che saranno esclusivamente telematiche.

Pertanto, l' ente che intende iscriversi nel Runts dovrà autenticarsi al Portale «Front Office» e utilizzare l' apposita funzione per la compilazione dell' istanza secondo la modulistica del Dm 106/2020. Alla domanda, quindi, dovranno essere allegati i documenti richiesti (atto costitutivo), firmati in p7m e correlati dalla dichiarazione di conformità. Sia in sede di iscrizione che di successivo aggiornamento, occorrerà indicizzare gli allegati, specificando il tipo di documento,la descrizione/la data. Conclusa l' allegazione dei files il sistema genererà una "distinta" della pratica, dalla quale risulteranno mittente, ufficio destinatario, ente per il quale si presenta l' istanza e tipo di adempimento. A questo punto l' utente verificherà la correttezza e, nel caso di esito positivo, la distinta dovrà essere scaricata, sottoscritta digitalmente e nuovamente caricata sul sistema. Solo dopo si potrà procedere all' invio dell' istanza.

Discorso a parte, invece, per le Odv e Aps per le quali è prevista una procedura di trasmigrazione automatica.

Per le realtà già iscritte a livello regionale e provinciali, gli attuali registri dovranno entro il 21 febbraio 2022 trasmettere i relativi dati al Runts. Attenzione però per chi ha un procedimento di iscrizione o cancellazione in corso.

In questo caso, la comunicazione dei dati potrà avvenire solo in caso di esito favorevole dei procedimenti. Accanto alla trasmissione dell' elenco delle realtà iscritte, tuttavia, bisognerà trasmettere anche l' atto costitutivo e lo statuto dei singoli enti. Per le Aps nazionali, invece, il ministero del Lavoro avrà tempo fino al 23 dicembre 2021 per trasmettere l' elenco degli enti iscritti completando il trasferimento degli atti in suo possesso entro il 21 febbraio 2022. A questo punto, gli uffici del Runts avranno a disposizione 180 giorni per verificare la sussistenza dei requisiti per l' iscrizione e richiedere eventuali integrazioni o proporre l' iscrizione in una sezione diversa.